17 agosto 2007 Lettera al Signor Diefenbech

Dr. med. Mag. theol. Ryke Geerd Hamer

 

Apartado de Correos 209

E-29120 Alhaurin el Grande

                                                                                                                17 Agosto 2007

 

All’ Ufficio di controllo delle professioni sanitarie

della regione Hessen

Signor RegDir Diefenbach

Adickesallee 36

60322 Francoforte sul Meno

 

Causale: Ricorso contro la Sua decisione del 10 agosto 2007.

Egregio Signor Diefenbach,

Il suo decreto del 10 agosto 2007 è semplicemente il giuramento dichiarante la bancarotta di ciò che avremmo volentieri chiamato democrazia, cioè la non più esistente cosiddetta repubblica federale.

Fino alla fine avevo sperato che si sarebbe vergognato di a rifare la stessa cosa, come da 21 anni, ciò che ho chiamato nelle nostre numerose telefonate una chiara truffa d’ufficio e di tribunale commessa nel 1986.

Anche se mi ripeto ancora una volta (per i posteri):

Lei personalmente ha ammesso più volte ed apertamente davanti a me nelle nostre telefonate che, come è dimostrato, non mi sono reso colpevole di niente in senso medico o penale, ma che mi è stata tolta l’abilitazione per il solo motivo del non abiurare la REGOLA FERREA del CANCRO (come veniva chiamata la NMG allora), ma era stata un’ingiustizia, quello che mi è stato fatto, in quanto avrebbe dovuto essere stata esaminata prima di dire se giusta o sbagliata.

(vedi anche la lettera del avvocato Koch: "…che Lei non si è reso colpevole di nulla nel 1986, quando Le venne tolta l’abilitazione").

Nel senso stretto giuridico è stata una truffa, ma anche perché i signori dell’amministrazione (Robbi Schon e Zwangziger) e dei tribunali (Hehn) appartenevano presumibilmente tutti ad una certa comunità di fede, che già allora volevano "assicurarsi" la REGOLA FERREA del CANCRO come uso esclusivo per i loro fratelli di fede.

Già dal 1984 (perciò già 2 anni prima della sottrazione dell’abilitazione) i medici ebrei praticavano (sostenuti dal commento nel talmud, inerente a questo, del loro capo mondiale dei rabbini Menachem Mendel Schneerson) la Nuova Medicina (Germanica) tra i loro fratelli di fede, col 98% di successo in caso di cancro.

La prova ce l’ha data il rabbino prof. Joav Merrick, quando ha scritto in un lavoro sulla Nuova Medicina: "…le prime due leggi biologiche della natura della Nuova Medicina (Germanica) (nel1984 esistevano sole le prime due) avrebbero "accettazione generale"."

Naturalmente sapevano tutte le amministrazioni e giudici (ebrei), che la Germanica era giusta, e perciò lo chiamo correttamente: "truffa d’ufficio e di tribunale".

E adesso, con la Sua decisione del 10 agosto 2007, non si smentisce sanzionando l’ingiustizia premeditata di allora, dicasi truffa, e, dopo che non si può più negare la veridicità della NMG secondo il rabbino Merrick, Lei ha la faccia tosta di elargire l’affermazione pazza:

"Di conseguenza non si tratta della veridicità delle da Lei sostenute tesi, ma dell’orientamento del Suo (presunto) agire medico nel discernimento di tutti i dati di fatto medici (inteso come medicina ufficiale), che Le manca per la prognosi da fare."

Solo qualcuno completamente dominato dall’esterno potrebbe far equivalere la medicina ufficiale-delle 5.000 ipotesi, che il prof. Niemitz chiama una poltiglia amorfa di ipotesi accumulate a caso, con "tutti i dati di fatto medici".

Se Lei allora ha fatto questo, Lei ha perso ogni pudore. Io ho perso l’abilitazione con la premessa amministrativa che la Nuova Medicina (Germanica) fosse sbagliata, nonostante sia riconosciuta come giusta. Adesso si dice: "…è indifferente, se è giusta o sbagliata – abiurare e fare terapia di medicina ufficiale!"

Nel caso di Galileo la chiesa ha chiesto scusa a postumi per la stessa scemenza, che Lei commette adesso di nuovo. Ma questa scemenza è una brutta truffa spudorata, che solo in Germania milioni di pazienti hanno pagato con la morte, e ogni giorno altri 1.500 pazienti vengono sacrificati sull’altare della medicina ufficiale.

In tutta la faccenda si tratta sempre e sempre di nuovo della stessa cosa, che avrei dovuto sottoscrivere al giudice nel campo di concentramento in Francia, cioè: che io abiuravo la Nuova Medicina Germanica (e la dovevo lasciare poi ai miei nemici).

Signor Diefenbach, mi creda, con questa sentenza Lei non sarà più sereno della Sua vita. Le torneranno in mente le mie parole.

Contro questa sentenza faccio causa per truffa amministrativa e di tribunale.

Motivazione dettagliata seguirà.

In questo senso

Dr. med. Ryke Geerd Hamer